Progetti

Rivelare, narrare, rispettare:
il design della mostra Lux in Arcana.

L’Archivio privato del Papa

La mostra Lux in Arcana è la prima apertura al pubblico
dell’Archivio Segreto Vaticano, uno dei luoghi più riservati
del mondo. L’Archivio dei papi custodisce ogni tipo di scrittura:
diplomi ed editti, bolle e lettere, brevi e registri papali,
codici e documenti contabili, atti processuali, formulari
e cifrari. I documenti selezionati per l’esposizione coprono
un arco temporale di 12 secoli di storia, dall’VIII
al XX secolo d.C., sono vergati sui più disparati supporti
scrittori – carta, seta, corteccia, pergamena –
e provengono da Asia, Africa, America, Europa.

Rivelare, narrare e rispettare: le direttrici del progetto

Le sfide principali di questa mostra sono state tre: spettacolarizzare la storia, rendere vive le scritture, rispettare la sicurezza e creare le condizioni adeguate per non rovinare delle fonti così preziose. Le nostre soluzioni sono state: scenografie digitali video, una chiara architettura dell’informazione resa dinamica dalla grafica in movimento, delle teche su misura, pensate per garantire il massimo rispetto dei documenti.

Scenografie

La grafica d’ambiente prevede interventi di natura diversa:
informativa ed emozionale. Nella prima categoria troviamo
i titoli di sala, i concetti chiave che descrivono l’Archivio
e particolari rappresentazioni di dati che coinvolgono
un’intero gruppo di documenti. Nella seconda categoria
invece trovano posto le scenografia, siano esse a stampa,
in proiezione, a monitor o incroci e sovrapposizioni
di queste tecniche.

I documenti prima, durante e dopo

Particolare attenzione è stata dedicata alla narrazione dell’attività dei conservatori. Attraverso una serie di video prodotti ad hoc e riprodotti in grande scala, sono stati messi in mostra tutti i soprendenti procedimenti di restauro e di conservazioni adottati dagli specialisti dell’Archivio Segreto Vaticano. 

Un periodo chiuso finalmente aperto

In un archivio tutti i documenti hanno lo stesso peso. Le ultime sale della mostra presentavano per la prima volta la corrispondenza del ‘periodo chiuso’, l’intervallo di tempo ritenuto necessario dagli archivisti per avere un distacco sufficiente dagli eventi.

I numeri della mostra Lux in Arcana
1000
METRI QUADRATI
DI GRAFICA
A STAMPA
170
DISPOSITIVI
MULTIMEDIALI
1200
TAVOLE DI LETTURA
ANIMATE
318
MINUTI
DI VIDEO
PRODOTTI
25
AMBIENTI
DI MOSTRA
9
MESI
DI LAVORO
E PIANIFICAZIONE
1
TEAM
DI OLTRE
25 PERSONE
500K
VISITATORI
TOTALI
L’elemento base del design della mostra: il sistema teca-leggio

Il sistema teca e leggio integra le informazioni legate all’apparato didascalico tradizionale e mette in relazione il documento con i contenuti di approfondimento. I due oggetti creano un unico volume
nello spazio, caratterizzato da un piano di lettura inclinato che giustappone
il vetro della teca e il metallo del leggio, ovvero un supporto contenente sia testi
serigrafati che un monitor con tavole di lettura animate.

Un segno preciso
tracciato per aprire il dialogo
tra mostra e museo

La segnaletica interna progettata per la mostra è composta
da pannelli applicati a parete e da paline auto portanti.
Una mappa sintetica e delle frecce direzionali
di due dimensioni sono i segni necessari per l’orientamento
dei visitatori. I Musei Capitolini presentano diversi punti critici
per l’orientamento, ci siamo concentrati sugli snodi e sulla chiarezza per migliorare l’esperienza degli utenti lungo il percorso espositivo.

Per un cliente unico, un progetto su misura

Dal disegno, alla costruzione. Dalle grafiche alle video scenografie. Abbiamo seguito tutte le fasi e coordinato tutto il gruppo di lavoro. Qui alcune immagini del making of.

Crediti progetto

General contractor
Studio Visuale

Progettazione 

Studio Visuale e Studio Tapiro

Team di progetto 
Giulia Abbruzzese, Daniele Balcon, Giovanni Barbiero,
Enrico Camplani, Tomaso Cariboni, Manola Cervesato,
Alessia Ferraro, Christopher Daniel Homer, Massimiliano
Musina, Carlotta Penso, Gianluigi Pescolderung,
Francesco Pia, Gabriele Rivoli, Marco Scapin.

Cliente 
Archivio Segreto Vaticano, Roma Capitale,
Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico -
Sovraintendenza ai Beni Culturali e Zètema Progetto
Cultura, sotto l’Alto Patronato del Presidente
della Repubblica Italiana.

Comitato scientifico e curatela  
Alessandra Gonzato, Marco Maiorino,
Pierpaolo Piergentili, Gianni Venditti,
Archivio Segreto Vaticano.